Eurocluib

Le stelle, l'uomo e gli elementi

Le stelle, l'uomo e gli elementi

AUTORE: Anja Royne

PAGINE: 252

CODICE PRODOTTO: 876599

EDIZIONE: ANTONIO VALLARDI EDITORE

PREZZO EDITORE: 16.90 €

PREZZO OFFERTA: 6.90 €



La chimica della vita: il libro che ha vinto il Brage Prize 2018

In un racconto tra scienza, storia e antropologia scopriamo il rapporto tra noi e gli elementi, e perché salvarli equivalga a salvare noi stessi.

La tavola periodica degli elementi non è solo un insieme di sigle e numeri: è lo schema dei ¿mattoncini¿ che stanno alla base del mondo in cui siamo immersi, dal nostro corpo al regno animale, vegetale e minerale. In breve, di tutto ciò che vediamo, tocchiamo, respiriamo e, a ben vedere, anche di ciò che ancora non abbiamo toccato, come le stelle e i pianeti. Ma come facciamo a risalire ai mattoncini che compongono tutte queste cose? Arriverà un momento in cui il nostro pianeta li esaurirà e ogni cosa si fermerà? Con un linguaggio scorrevole e coinvolgente, un¿autorevole scienziata ce ne mostra l¿importanza in un racconto moderno che, dall¿Età del Ferro alla nascita dei robot, dall¿uso del carbone nell¿arte al legame che intercorre tra il potassio e la vista, ci presenta la chimica sotto una luce nuova.

Anja Røyne
Scienziata e accademica norvegese, ha una cattedra presso il Dipartimento di Fisica dell¿Università di Oslo. Dopo aver maturato esperienze nell¿ambito degli studi sull¿energia solare, conduce ricerche sui processi geologici e nel campo delle biotecnologie. Instancabile divulgatrice, nel 2018 ha vinto il Brage Prize per il miglior libro di divulgazione scientifica.

«La scienziata Anja Røyne racconta la funzione degli elementi all¿interno del corpo umano e ci guida attraverso sorprendenti ambiti del mondo in cui possiamo ammirare la tavola periodica».
Publishers Weekly

«Non è solo un saggio sulla chimica, questo libro ci mostra qual è l¿impatto dell¿uomo sul pianeta e cosa possiamo imparare dalla natura».
School Library Journal

«Un libro eccellente sugli elementi. Un ¿peso massimo¿ della divulgazione scientifica affrontato con splendida leggerezza».
Aftenposten